alimentazione sbagliata bambini

3 consigli per far apprezzare il cibo ai più piccoli

Home > 3 consigli per far apprezzare il cibo ai più piccoli

La cattiva alimentazione dei più piccoli potrebbe trasformare, oltre che in indesiderati chili di troppo, in comportamenti poco piacevoli che a lungo andare potrebbero portare alla frustrazione sia dei bimbi che dei propri genitori.

Il detto ‘Siamo quello che mangiamo‘ è più vero che mai. Proprio per questo motivo, quindi, sarebbe preferibile che i bambini imparino fin dalla tenera età ad assumere i giusti atteggiamenti quando si è a tavola, cibi da consumare compresi.

Alimentazione dei bambini

Proprio come consigliato per gli adulti, anche i bambini dovrebbero consumare i classici 5 pasti giornalieri: in questo modo viene loro dato il giusto fabbisogno calorico, prevenendo il rischio di sovrappeso e obesità.

Quali sono gli atteggiamenti che devono assolutamente essere evitati per consentire ai più piccoli di avere il giusto rapporto con il cibo e con il momento durante il quale quest’ultimo viene consumato?

Rispettare i 5 pasti giornalieri

Sicuramente per assicurare serenità sarebbe più che mai preferibile rispettare una sempre uguale routine: spesso, complice la vita frenetica, si tende a cambiare gli orari dei pasti, la cui variazione provoca irritabilità nei più piccoli. Nonostante i grandi sacrifici che questo comporta, dunque, sarebbe sempre consigliabile rispettare i pasti principali: colazione, pranzo, spuntini di metà giornata e cena. In questo modo si eviterà il consumo di alimenti poco graditi.

Mangiare con la tv spenta

Questo suggerimento, in realtà, andrebbe seguito anche per i più grandi. La televisione, il tablet o lo smartphone fungono come grandi distrazioni che impediscono di acquisire la giusta consapevolezza di quello che si sta mangiando, ritardando in questa maniera il senso di sazietà.

Nel caso dei più piccoli, inoltre, questo comportamento è più sbagliato che mai in quanto non permetterà di sviluppare una coscienza alimentare su quanto consumato.

Non forzare il cibo

Un altro errore che si tende a commettere è quello di imporre le quantità e i prodotti da consumare sui propri figli. Capita spesso, infatti, che il bambino non riesca a terminare tutti gli alimenti presenti nel piatto.

Probabilmente il piccolo è davvero sazio: le porzioni suggerite variano di bambino in bambino. Costringerli a mangiare tutto, li porterà a vedere il momento del pasto come qualcosa di obbligato e quindi poco gradito, con ripercussioni che potrebbero essere notate anche con il trascorrere del tempo.




Potrebbe anche interessarti

dieta
Capodanno, cosa cucinare per rendere il cenone light

Le festività di dicembre sono così: non si fa in tempo ad aver terminato con…

dimagrire dopo le feste
Dieta dopo le feste natalizie, come depurarsi

Le grandi abbuffate dell’appena terminato Natale sembrano già essere un lontano ricordo, se non fosse…

dieta per dimagrire
Trucchi per dimagrire in fretta e in salute

Con l’imminente arrivo dell’anno nuovo nella lista dei buoni propositi, proprio a fianco dell’iscrizione in…