Quantità di cibo che permette di non ingrassare: qual è

Home > Quantità di cibo che permette di non ingrassare: qual è

Sei un food lover e vuoi sempre controllare il tuo regime alimentare per evitare di prendere dei chili non graditi? Come (probabilmente già) saprai un corretto equilibrio che consente di non ingrassare parte proprio dalla quantità di cibo che ingeriamo, a prescindere dalla sua qualità.

Quante volte, infatti, ci sentiamo ripetere la frase “Eppure mangio solo roba salutare” o ancora “Mi sono riempito con un gustoso piattone di insalata”? Questi atteggiamenti, per quanto possa sembrare strano, sono in realtà altrettanto sbagliati.

Per il raggiungimento del peso forma, infatti, è importante che tu sappia che devi (ri)conoscere, oltre quali cibi salutari mangiare, anche le loro corrette porzioni.

Perché il cibo sano non basta

Prediligere un cibo sano non vuol dire automaticamente riuscire a perdere peso. Quanto bisogna mangiare allora per riuscire a mantenere un corretto equilibrio alimentare?

Prima di rispondere a questa domanda è importante conoscere alcuni dei fattori che contribuiscono nel mangiare più del dovuto.

Fattori psicologici

Il meccanismo psicologico è strettamente collegato con quello del nostro appetito. Tutti, infatti, siamo soliti riversare le proprie personali frustrazioni e insoddisfazioni nel cibo. Naturalmente questa procedura, note con il termine di ‘fame nervosa‘, dovrebbe essere assolutamente evitata.

Una volta ammesso il motivo per il quale si mangia in maniera errata, si può ora rispondere alla precedente domanda che stabilisce la corretta quantità di cibo che deve essere mangiata. Anche in questo caso decretare una lista universale è impossibile: questi parametri cambiano in base al sesso, all’età e allo stile di vita che si conduce.

Cosa sapere per dimagrire

Appurato che non esiste un vademecum universale, è importante sapere che per perdere peso è necessario bruciare più calorie di quelle che vengono introdotte.

Questo concetto, però, viene spesso erroneamente interpretato in una riduzione totale del cibo: naturalmente gli estremi sono assolutamente da evitare.

Conoscere in modo preciso il fabbisogno calorico tenendo conto dell’età, dell’altezza e del peso e dell’attività motoria giornaliera consentirà di calcolare alla perfezione quante calorie bisognerà ingerire al dì.

Sebbene online sia possibile imbattersi in numerosi calcolatori , la scelta preferibile resta quella di rivolgersi ad un personale competente che sarà in grado di fornire ogni tipo di aiuto e di risolvere ogni esigenza.

Corretta quantità di cibo

Come ormai noto, un corretto dimagrimento deve prevedere l’inserimento quotidiano di tutti i nutrienti fondamentali in grado di dare la giusta energia al proprio metabolismo.

In Italia gli esperti consigliano di consumare all’interno della propria giornata circa il 60% dei carboidrati, il 15% di proteine e la restante percentuale in grassi.

Anche in questo caso, però, bisognerà conoscere i cibi studiati appositamente per permetterci di perdere peso correttamente e senza rischiare problemi di salute.




Potrebbe anche interessarti

dieta
Capodanno, cosa cucinare per rendere il cenone light

Le festività di dicembre sono così: non si fa in tempo ad aver terminato con…

dimagrire dopo le feste
Dieta dopo le feste natalizie, come depurarsi

Le grandi abbuffate dell’appena terminato Natale sembrano già essere un lontano ricordo, se non fosse…

dieta per dimagrire
Trucchi per dimagrire in fretta e in salute

Con l’imminente arrivo dell’anno nuovo nella lista dei buoni propositi, proprio a fianco dell’iscrizione in…