Perché è importante mangiare sempre alla stessa ora

Home > Perché è importante mangiare sempre alla stessa ora

Mangiare sempre alla stessa ora è importante per ritrovare il proprio benessere fisico e quotidiano. Come mai questa abitudine contribuisce alla corretta perdita di peso?

Per dimagrire in maniera più equilibrata ed evitare eventuali problemi di salute è sempre raccomandato di seguire una dieta corretta e personalizzata, che deriva non solo dalla qualità del cibo mangiato ma anche dal momento durante il quale viene consumato il pasto.

Un errore che si tende a commettere, infatti, è quello di focalizzarsi troppo spesso su cosa mangiare e mai su quando farlo. Questa è una grande pecca: mangiare sempre allo stesso orario permette di aiutare il metabolismo a digerire in maniera più semplice possibile.

Assumere cibo sempre alla stessa ora è importante in quanto permette di istituire nell’organismo un vero e proprio orologio biologico, le cui abitudini alimentari consentono di abituare l’organismo a ricevere il cibo in alcune ore ben precise.

Cosa accade dunque quando per svariati motivi si è costretti a mangiare sempre in orari differenti? Le conseguenze sono più serie di quanto si possa immaginare: a lungo andare potrebbero infatti sorgere dei problemi di salute, oltre che di natura psicologica.

In quali orari mangiare

Nota ormai l’importanza di dover mangiare cinque volte al giorno, è giusto che tu sappia che esistono alcuni orari migliori di altri che permettono ulteriori benefici all’organismo.

Colazione

Il primo pasto della giornata andrebbe consumato tra le 7 e le 8 del mattino. Numerosi studi hanno infatti stimato che in questa fase il corpo, appena sveglio, riesce a bruciare in maniera più veloce tutte le calorie assunte.

Primo spuntino

L’orologio biologico, dopo la colazione, inizierà ad avvertire la necessità di assumere nuovamente del cibo tra le 10.30-11. Anche questo pasto è vitale per assicurare che il pasto successivo non venga consumato in dosi più abbondanti del dovuto.

Pranzo

Il pranzo, invece, dovrebbe svolgersi tra le 13-14. Questo consente di evitare che il corpo accumuli del grasso inutile proprio grazie allo spuntino precedentemente fatto.

Secondo spuntino

A metà pomeriggio, tra le 17 e le 18, è consigliabile spezzare l’appetito mangiando qualcosina. Questa abitudine, proprio come quella mattutina, consente di non percepire molto la fame in vista dei pasti serali.

Cena

Se si seguono gli orari precedentemente consigliati, sarà naturale prediligere il pasto tra le 20 e le 21. Cenare più tardi di questo orario, oltre a far mangiare più cibo, consente di andare a dormire a digestione già ultimata.




Potrebbe anche interessarti

dieta
Capodanno, cosa cucinare per rendere il cenone light

Le festività di dicembre sono così: non si fa in tempo ad aver terminato con…

dimagrire dopo le feste
Dieta dopo le feste natalizie, come depurarsi

Le grandi abbuffate dell’appena terminato Natale sembrano già essere un lontano ricordo, se non fosse…

dieta per dimagrire
Trucchi per dimagrire in fretta e in salute

Con l’imminente arrivo dell’anno nuovo nella lista dei buoni propositi, proprio a fianco dell’iscrizione in…